Le piogge di Castamere

752c970ae2f71b24e09bca46600b999cSebbene sia una lettura che porto avanti ormai da parecchio, non ho mai voluto scrivere nulla su Le Cronache del Giaccio e del fuoco di George R.R. Martin per il semplice fatto che se ne parla fin troppo, sia della ormai celeberrima e straseguita serie TV, meglio conosciuta con il nome di Game of Thrones, sia della saga infinita dei libri di cui ancora attendiamo speranzosi la conclusione.
Ma voglio dirvi di un particolare che negli ultimi giorni ha richiamato la mia attenzione mentre leggevo Tempesta di spade, il terzo libro della saga:

E chi sei tu, disse l’orgoglioso lord,
che così in basso io devo inchinarmi?
Pelo d’oro o pelo rosso,
artigli un leone ancora ha.
E i miei sono lunghi e affilati, mio lord,
lunghi e affilati quanto i tuoi.

Le Nozze Rosse.
Il massacro delle Torri Gemelle.
Il matrimonio di lord Edmure Tully, fratello di Catelyn, con Roslin, una delle tante figlie di Walder Frey, signore del Guado.
E’ il matrimonio sostitutivo della precendente non mantenuta promessa di Robb Stark, ormai re del Nord, di prende in moglie una delle regazze Frey in cambio del passaggio da una sponda all’altra della Forca Verde del Tridente.
E’ la vendetta terribile di lord Frey per la mancanza di Robb, il tradimento verso la casata dei Tully, il violamento di tutte le sacre leggi dell’ospitalità in cambio di…protezione da parte di Tywin Lannister.

Durante il terribile massacro in cui morirono Robb, Catelyn e la maggior parte dei 3500 alfieri del re del Nord, un menestrello intona una canzone molto popolare, che gela il sangue nelle vene di Catelyn e che preannuncia la fine.

The Rains of Castamere

La canzone dei Lannister.

Quando vidi la serie TV non prestai troppa attenzione a questo fondamentale dettaglio, complice il fatto che la trasposizione in realtà non mi è mai piaciuta troppo ed ho sempre preferito i libri, ma leggendolo mi sono resa conto che la costante presenza del ritmo dei tamburi e il continuo cantilenare delle strofe sopra citate, dava a tutta la scena un tono di macabra inquietudine.
Penso che Martin non sia molto bravo nella descrizione di battaglie o attacchi improvvisi e non credo che sappia rendere l’idea della tempestività di una strage improvvisa come quella delle Nozze Rosse, ma non so descrivervi il gelo che trasmette questa scena dove si susseguono il terrore di Catelyn quando riconosce la canzone, i dardi che trafiggono Robb fino ad ucciderlo, le urla di una madre che vede morire colui che crede essere l’ultimo dei suoi figli ad essere ancora in vita, la follia che precede la morte mentre il menestrello continua a cantare con Walder Frey seduto ancora al suo tavolo…e poi il silenzio.

Così lui parlò, così lui parlò,
il lord di Castamere.
Ma ora le piogge piangono nella sua sala,
senza nessuno a udire quel pianto.
Sì, ora le piogge piangono nella sua sala,
senza una sola anima a udire quel pianto.

Venne scritta in occasione della schiacciante vittoria di lord Tywin sulla ribelle Casa Rayne di Castamere, da cui l’assonanza Rayne – rain (pioggia) presente nel testo.

E chi sei tu, disse l’orgoglioso lord,
che così in basso io devo inchinarmi?
Solo un gatto con un altro pelo,
questa è l’unica verità che conosco.
Pelo d’oro o pelo rosso,
un leone artigli ancora ha.
E i miei sono lunghi e affilati, mio lord
Lunghi e affilati come i tuoi.

Queste sono le parole del lord di Castamere, il cui stemma era un leone rosso, che osò sfidare il leone dorato.

Da quella volta, il ritornello viene cantato a chiunque osi ribellarsi alla supremazia Lannister per ricordargli qual è il destino che attende chi osa sfidare gli artigli affilati della casata di lord Tywin.

Così lui parlò, così lui parlò,
il lord di Castamere.
Ma ora le piogge piangono nella sua sala,
senza nessuno a udire quel pianto.
Sì, ora le piogge piangono nella sua sala,
senza una sola anima a udire quel pianto.

And who are you, the proud lord said,
that I must bow so low?
Only a cat of a different coat,
that’s all the truth I know.
In a coat of gold or a coat of red,
a lion still has claws,
And mine are long and sharp, my lord,
as long and sharp as yours.
And so he spoke, and so he spoke,
that Lord of Castamere,
But now the rains weep o’er his hall,
with no one there to hear.
Yes now the rains weep o’er his hall,
and not a soul to hear.

Annunci

2 pensieri su “Le piogge di Castamere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...