Lettura in corso: #IFratelliKaramazov01

16427336_10212077062112950_312260349113984977_nHo da poco iniziato questa pietra miliare della letteratura russa insieme al gruppo di lettura su Facebook Salotto di Lettura di Pennylane. Questo è il mio secondo salotto nel gruppo e, poiché provenivo dall’esperienza positiva de I Buddenbrook di Thoma Mann (il salotto precedente), ho deciso di replicare.

Le mie letture di Dostoevskij fino ad oggi sono state Memorie dal sottosuolo, che ho letto a circa 13 anni e non ricordo quasi per nulla, e Le notti bianche, che ho letto un paio di anni fa e che ho apprezzato molto; ma di fatto questo è il mio primo approccio con un suo romanzo lungo.

I fratelli Karamzov è sempre stato per me un libro temuto, la cui lettura ho rimandato e rimandato anche se in realtà avrei voluto leggerlo da tempo.
E’ senz’altro un libro impegnativo, dalla mole massiccia… un vero “mattone”, quindi non mi sono fatta sfuggire l’occasione di poterlo leggere in gruppo, in modo da avere delle scadenze e sentire meno il peso dell’impresa.

E’ stato stabilito un calendario di incontri all’interno del gruppo, e la lettura è stata “diluita” in dieci settimane (dall’1 febbraio al 4 aprile),e già nel primo incontro si è discusso di questioni interessanti che nel romanzo non tardano ad arrivare.

Nei primi capitoli l’autore introduce i personaggi iniziando da Fedor Pavlovic (il padre dei fratelli Karamazov), proprietario terriero in un distretto di provincia, uomo volgare e dissoluto, capace soltanto di volgere a suo vantaggio gli avvenimenti, e lo descrive in questo modo:

Era un tipo strano, come se ne incontrano alquanto spesso: non solo il tipo d’uomo abietto e dissoluto, ma anche dissennato; di quei dissennati, però, che sanno sbrigare brillantemente i loro affarucci, ma a quanto sembra soltanto questi.

In poche parole: un tipo di cui non ci si può fidare.

Fedor Pavlovic si sposa con una certa Adelaida Ivanovna Mjusova, una fanciulla di temperamento romantico che aveva accettato di diventare sua moglie per potersi liberare da un ambiente familiare dispotico, e non certo per vero amore.
Da questa unione nacque Dmitrij ma, subito dopo la nascita del piccolo, Adelaida Ivanovna, incapace di sopportare la depravazione del marito, li abbandona entrambi.
Il povero bambino, dimenticato anche dal padre, verrà accudito prima dal servo Grigorij, poi da un cugino della madre, tale Petr Aleksandrovic Mjusov, per poi passare sotto la custodia di altri parenti.
Dmitrij, crescendo, sviluppa un carattere violento e sfrontato, e serba odio e rancore nei confronti del padre.

Fedor incontra per la prima volta il figlio quando quest’ultimo, ormai maggiorenne, vuole risolvere la controversia sul denaro che gli spetta; ma viene liquidato dal padre come un giovane leggero, sfrenato, incline alle passioni, irruente e amante delle gozzoviglie, a cui basta avere qualcosa da sgranocchiare per accontentarsi, seppur momentaneamente.
Dmitrij è quindi un perfetto Karamazov.

Dopo l’abbandono da parte di Adelaida Ivanovna, Fedor Pavlovic si risposa con Sof’ja Ivanovna, una donna dolce e bella che il marito aveva soprannominato “l’urlona” a causa delle sue crisi isteriche dovute al matrimonio disonorevole.
La donna infatti, soffrì molto per il comportamento rozzo e insensibile del marito, fino ad ammalarsi e morire precocemente.
Da quest’unione nacquero Ivàn e Aleksej.

Dopo la morte della madre, Ivàn e il fratello Alekej finiscono prima nell’isba di Grigorij, poi sotto la tutela di una generalessa benefattrice di Sonja e infine presso il premuroso Efim Petrovic, che si occupa di loro fino alla maggiore età.

Il carattere di Ivàn è ben diverso da quello del fratellastro Dmitrij:

Un adolescente cupo e chiuso in sé, tutt’altro che timido, ma come penetrato, fin dai dieci anni, della consapevolezza… che il padre loro era uno così e così, di cui c’era da vergognarsi anche a parlarne. Con certe inconsuete e spiccate attitudini allo studio.

Diversa ancora è la personalità del terzo fratello, Aleksej, istintivamente proiettato verso la fede e la spiritualità, tanto da spingerlo a volersi ritirare in convento.

Il dono di destare una speciale simpatia egli l’aveva in sé, per così dire, dalla natura stessa, senza artifici e immediato. La stessa cosa gli accadeva anche a scuola […] I ragazzi capirono che egli non s’inorgogliva per nulla della sua intrepidità, ma sembrava non accorgersi nemmeno di essere ardito e impavido […] Non serbava mai memoria delle offese […] aveva una selvaggia, esaltata pudicizia e castità […] Un altro suo tratto era quello di non darsi mai pensiero a spese di chi vivesse […] se gli fosse capitato per le mani anche tutto un capitale, non avrebbe esitato a darlo via alla prima richiesta per un’opera buona.

Questi sono i presupposti da cui il romanzo ha inizio: un quadro familiare molto atipico dal quale potrebbero svilupparsi diversi scontri.
Mi aspetto una storia un bel po’ movimentata sotto questo punto di vista.

Per quanto riguarda le tematiche trattate fin qui (ovvero nei primi due libri), ha richiamato la mia attenzione in particolar modo lo scontro di opinioni tra Ivàn e i monaci circa il ruolo della Chiesa e il ruolo dello Stato e sulla divisione del potere temporale e spirituale.

Viene anche trattata la questione della vita dopo la morte e si parla della differenza tra amore verso l’umanità intera e amore verso il singolo.

La lettura mi è parsa inizialmente lenta e a tratti addirittura noiosa, ma una volta entrata nel vivo del secondo libro il mio interesse si è risvegliato.

Mi sta piacendo molto per ora.

Chissà più avanti cosa accadrà.

 

 

 

 

Annunci

15 pensieri su “Lettura in corso: #IFratelliKaramazov01

  1. Io sono arrivata intorno a pagina 100 e ho smesso, perchè proprio non ce la facevo, spero di riuscire a continuare tra un po’ magari, ma devo ammettere che l’edizione non è delle migliori e forse penalizza un poco!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...