“L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera

E’ difficile scrivere un post su questo libro, ma voglio provare comunque a parlarvene f1a6aa41f8c3d3b9f9b681d4e5dad53a_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyperché L’insostenibile leggerezza dell’essere è uno di quei romanzi che aprono un mondo e che servono per pensare e per conoscere aspetti della propria vita che forse prima non avevamo considerato.

Dunque… di cosa parla questo libro? Parla di tante cose in verità, ma ognuna di queste cose è legata all’amore e alla sua realizzazione nei diversi tipi di rapporti analizzati dallo scrittore. Dico “analizzati” perché di fatto questo romanzo è un’analisi della vita, dell’amore, della morte, delle casualità, della storia e del pensiero.

Siamo nella Praga del 1968, in un’irrequieto scenario di dominazione comunista, quando Tomàs e Tereza si incontrano per caso e per caso si innamorano. Tereza è una donna fragile, che ha bisogno di protezione e di sentirsi amata. Tomàs, al contrario, è un uomo fortemente indipendente che non vuole sentire su di sé la costrizione di una relazione amorosa stabile e che non può fare a meno di avere numerose amanti occasionali.
Questi primi due personaggi sono uno l’opposto dell’altro ed intendono la relazione amorosa in due modi completamente diversi: per Tereza l’amore è la totale dedizione (anima e corpo) ad una persona soltanto, mentre per Tomàs c’è differenza tra amore e sesso, e la profondità del sentimento che lo lega a Tereza non ha nulla a che vedere con la passione che lo spinge tra le bracia di altre donne.
Intorno a questi due personaggi principali ruotano altre figure secondarie, come Sabina, amante di Tomàs, Franz, spasimante di Sabina, Simon, figlio di Tomàs, e Karenin, la cagnolina di Tereza e di Tomàs.
Le relazioni che intercorrono tra questi personaggi sono tutte regolate da un equilibrio che li pone in posizioni opposte l’uno all’altro, proprio come i due protagonisti.
Ogni personaggio cerca di attrarre a sé il suo opposto, e più sono vicini e maggiore è la pesantezza che li schiaccia e li distrugge. Sì, perché tutto si gioca sul continuo susseguirsi e scontrarsi di stati di leggerezza e di pesantezza, come nel quarto movimento del Quartetto No. 16, Op. 135 di Beethoven, che lo scrittore conosce molto bene.
<<Es muss sein!>>, scrive Beethoven all’inizio del quarto movimento. Deve essere. Nessun uomo può ribellarsi al proprio es muss sein, alla propria indole, alla propria vocazione ed inclinazione naturale. Sfuggire all’es muss sein vuol dire cedere alla pesantezza e schiacciare il proprio essere, perdersi per non ritrovare più la leggerezza, che è l’unico stato di pace e serenità.

Ma cos’è che costringe l’uomo verso la pesantezza? Non è certamente una condizione che si raggiunge consapevolmente o volontariamente, poiché la vita dell’uomo e diretta solo dal caso. E’ infatti per caso che si incontrano e si conoscono nuove persone, è per caso che ci si innamora, ed è sempre per caso che si può perdere il proprio lavoro.

Come vedete siamo di fronte ad un romanzo molto filosofico che rivela molto della mente che si cela dietro la penna da cui è nato.
Nel corso della narrazione, infatti, viene spesso fatto riferimento, oltre al sopracitato quartetto per archi, alle teorie di grandi filosofi come Nietzsche, Kant e Descartes, per passare poi a riflessioni sul Kitsch e sulla morte.

Nonostante in questo libro ci sia tutto questo (e molto altro ancora), la lettura non risulta mai troppo pesante o lenta. Lo stile, infatti, è molto scorrevole e leggero e le sue 336 pagine scorrono senza fatica, grazie anche alla brevità dei capitoletti che compongono le sette parti del romanzo.

Io mi sento di consigliarlo a chiunque non l’abbia ancora letto e che abbia voglia di affrontare una lettura così intensa, ma non direi che sia adatto ad un pubblico troppo giovane, perché credo che la maturità e un po’ di esperienza di vita aiutino a comprendere meglio alcune parti.

Detto questo, vi lascio il link in cui potrete trovare questo bellissimo romanzo (ovvero qui).

Fatemi sapere se anche voi lo avete letto e cosa ne pensate, o se avete in programma di leggerlo prossimamente.

Alla prossima.

Leggere “Harry Potter” a 27 anni – Parte I

Harry Potter e la Pietra Filosofale

Pubblicata per la prima volta nel giugno del 1997, la saga del maghetto più famoso del 9788867158126.1000mondo, che ha stregato e affascinato migliaia e migliaia di bambini della mia generazione, quest’anno compie 20 anni.
Immagino che voi ne eravate già al corrente… io invece l’ho saputo solo qualche giorno fa, quando ormai la mia PRIMA LETTURA di Harry Potter e la Pietra Folosofale era già bella che avviata.

Come mai ho deciso di iniziare la saga di Harry Potter alla tenera età di 27 anni?
Per pura curiosità.
Insomma… se la Rowling è riuscita a guadagnarsi tutti questi fans, sicuramente varrà la pena leggere la saga che l’ha resa così famosa.
Quindi, munitami forza e coraggio e senza pensare troppo allo sconfinato numero di pagine da affrontare, ho iniziato la lettura di questa saga famosissima.

Purtroppo le mie prime impressioni non sono state delle migliori, infatti ho trovato la lettura quasi noiosa fino a circa metà del libro, quando (finalmente) iniziano a comparire i primi misteri ed i primi colpi di scena che vanno a complicare e ad arricchire la trama. Ed è proprio a causa di questo disinteresse iniziale che ci ho messo fin troppo tempo a leggere questo primo volume, e spero vivamente di trovare i prossimi molto più scorrevoli ed interessanti… altrimenti sarà dura arrivare alla fine della saga.

Io credo di aver visto i primi tre film (o forse quattro) dedicati alla serie di Harry Potter, ma con il passare degli anni li ho completamente rimossi dalla mia memoria, quindi la mia è una lettura totalmente nuova (anche perché sono riuscita a tenermi ben alla larga da spoiler di vario tipo, seppur involontariamente).

Ma ora voglio dirvi cosa ho apprezzato di questo libro e cosa no, senza dilungarmi ulteriormente.

Sicuramente una caratteristica positiva del libro è la scorrevolezza della scrittura, che è molto lineare ed utilizza un linguaggio semplice, ma ho sentito la mancanza di un’introspezione anche minima dei personaggi principali, che li rendesse più credibili e che facilitasse l’immedesimazione del lettore.
Si, ok, è un libro per bambini e deve essere adatto ad un pubblico molto giovane, ma ultimamente ho letto altri libri indirizzati a questa fascia di età e non ho sentito affatto la mancanza di una profondità dei protagonisti (mi sto riferendo in particolar modo ad Olga di carta di Elisabetta Gnone ed alla Trilogia di Bartimeus di Jonathan Stroud)… ma in fondo siamo solo al primo libro, immagino che ci sarà tempo per incastrare bene tutti i pezzi.

Un’altra cosa che mi ha lasciata un po’ perplessa è stata la rapidità con cui Harry passa da una situazione di sfortuna più nera ed assoluta ad essere il maghetto più fortunato e talentuoso del mondo. Una volta entrato ad Hogwarts, in pratica, il nostro Harry non fa che infrangere le regole della scuola, ma invece di essere punito viene spesso e volentieri premiato in modo esagerato. Insomma, va bene la trama semplice e carina, va bene il modo fantastico e meraviglioso dei maghi che rende tutto più bello, ma senza esagerare, eh.

Molto belle invece le atmosfere che la Rowling è riuscita a creare: gli ampi saloni della scuola, scale che cambiano strada, fantasmi che girano, ritratti appesi ai muri che vanno a farsi un giro quando si annoiano, foreste incantate, centauri, unicorni, draghi… tutto veramente suggestivo e molto bello: il vero punto di forza in questo libro, a parer mio.

Ma la cosa che mi è piaciuta di più e che mi ha convinto a proseguire la lettura della saga è stato l’incontro finale tra Harry Potter e Voldemort nell’inquietantissima la scena in cui il professor Raptor si toglie il turbante e scopre il volto del suo padrone, troppo debole per abitare in un corpo proprio.
Un’immagine da brivido, direi.

Che altro dirvi? E’ stata una lettura iniziata nel modo sbagliato, forse con poca voglia e con qualche pregiudizio, ma ora sono molto curiosa di scoprire come andrà avanti la storia di Harry Potter e del suo temibilissimo nemico.

 

Potete trovare l’edizione che ho letto cliccando qui

Altri libri citati:
Olga di carta
Il ciclo di Bartimeus