Leggere Harry Potter a 27 anni – Parte III

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

Continua la mia lettura tardiva della saga di Harry Potter. 71C2wmHIeBL
In questi giorni ho letto il terzo volume ed ho divorato le pagine cavalcando l’ondata di entusiasmo che mi ha travolto dopo Harry Potter e la camera dei segreti (di cui trovate la recensione qui), che ritengo essere, fino ad ora, il miglior libro della saga.

Anche in questo terzo volume torna la struttura dei precedenti e di nuovo tutta l’azione viene scandita dai vari momenti dell’anno scolastico.

Rispetto al precedente, lo stile rimane pressoché invariato, ma si incontrano tante novità a livello narrativo che preparano a quello che verrà con i prossimi libri.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban è quindi un ponte tra l’Harry bambino e l’Harry adolescente, ed insieme a lui cresce anche l’intreccio narrativo che si fa più adatto ad un pubblico di ragazzi.

Anche se ho preferito la storia narrata in Harry Potter e la camera dei segreti, mi hanno molto incuriosito le novità che la Rowling ha inserito in questo terzo libro.
Qui per la prima volta Harry non si ritrova faccia a faccia con Voldemort e non è il bersaglio di un premeditato assassinio che per mesi tiene in allerta l’intero castello di Hogwarts, ma il finale, totalmente inaspettato, distende la tensione che ha pervaso i nervi del lettore fin dai primi capitoli, terminando in una piacevole quiete che mette di buon umore.

Tra le cose che più mi sono piaciute di questo libro c’è il momento in cui Piton viene a sapere che Harry infrange le regole della scuola, ed il suo rimprovero mentre cerca di farlo confessare è veramente divertente!

Poi tra Patronus, Animagi, GiraTempo e padrini segreti… non vedo l’ora di andare avanti con la lettura.

Detto questo, ho una domanda che mi perseguita dall’inizio del libro:
– Ma Harry se ne andrà mai da casa dei Dursley?

 

Link ai libri di Harry Potter letti fino ad ora:
– Harry Potter e la pietra filosofale
– Harry Potter e la camera dei segreti 
– Harry Potter e il prigioniero di Azkaban

 

Annunci

Leggere “Harry Potter” a 27 anni – Parte II

Harry Potter e la Camera dei Segreti

Continua la mia lettura di Harry Potter alla scoperta del fantastico mondo di Hogwarts.9788867158133_harry_potter_e_la_camera_dei_segreti
Dal momento che ho già fatto una bella premessa sul perché ho totalmente ignorato tutto ciò che riguarda il maghetto con la cicatrice a forma di saetta qui, spiegando anche il perché io abbia deciso di leggerlo solo ora, passerò direttamente a parlarvi del libro.

Inizialmente, devo dire, non avevo grandi aspettative proprio perché Harry Potter e la Pietra Filosofale non mi aveva convinto molto. E INVECE.

La struttura narrativa è identica a quella del libro precedente e si divide in cinque momenti:
1. fine delle vacanze estive, che per Harry terminano sempre nel peggiore dei modi;
2. fuga da casa Dursley e inizio dell’anno scolastico;
3. con l’avvicinarsi delle vacanze di Natale iniziano a succedere cose strane ad Hogwarts ed Harry, Hermione e Ron si sentono in dovere di investigare per il bene della scuola correndo diversi pericoli ed infrangendo numerose regole scolastiche;
4. i tre risolvono il mistero ed Harry finisce da solo ad affrontare il cattivone di turno (che è sempre lo stesso, per ora) in una camera buia e con un mostro enorme;
5. con la fine dell’anno scolastico la pace torna ad Hogwarts, e Grifondoro guadagna tantissimi punti grazie alle prodezze del coraggioso e generoso Harry Potter.

Ma c’è da dire che nonostante questo libro sia totalmente ricalcato sul primo capitolo della saga, la scrittura è più matura, più brillante e divertente. Infatti la Rowling mantiene alta l’attenzione del lettore già dalle primissime pagine con situazioni divertenti e paradossali magistralmente descritte.
Harry è cresciuto molto rispetto al libro precedente e ormai appartiene al mondo dei maghi. E’ molto più sicuro di sé e, sebbene ignori ancora molto dei suoi reali poteri e della realtà in cui è stato catapultato, ha acquisito coraggio e scaltrezza.
Insomma, il piccolo e disorientato Harry è diventato un personaggio veramente interessante.

A testimonianza del fatto che si tratta di un libro più maturo del precedente, troviamo le tematiche trattate. Si rafforza notevolmente il sentimento di amicizia che lega Harry, Hermione e Ron, che lascia intravedere anche il sentore di sentimenti più profondi. Si parla poi moltissimo di razzismo poiché tutta la trama del libro ruota attorno al tentativo di impedire l’accesso ad Hogwarts (e quindi al mondo magico) a tutti i mezzosangue, ovvero coloro che hanno ereditato poteri magici pur provenendo da famiglie di babbani o da matrimoni misti tra maghi e babbani. Tant’è vero che i vari attentati che si verificano durante l’anno scolastico hanno come bersaglio soprattutto i mezzosangue e i magonò (= figlio di maghi che non ha ereditato alcun potere magico).

L’atmosfera è ben più tesa rispetto al primo libro e molto più cupa e, a tratti, veramente inquietante, e se dovessi classificare Harry Potter e la Camera dei Segreti all’interno di un genere letterario non lo identificherei certo con il genere fantasy, perché la magia e le creature fantastiche fanno solo da sfondo ad una narrazione piena di suspense e colpi di scena tipica del romanzo thriller.

Che altro dirvi? Io ho fatto fatica a staccarmi dalle pagine di questo libro e sono stata tentata di iniziare subito il successivo.
So che probabilmente lo avrete letto tutti ma, se così non fosse, correte a leggere Harry Potter sgombri di qualsiasi pregiudizio possiate avere.
Non ve ne pentirete.

 

 

Vi lascio i link ai libri citati:
– Harry Potter e la Camera dei Segreti
– Harry Potter e la Pietra Filosofale

 

 

 

“Il grande Gatsby”: Libro VS Film

61jcGg4sB7LIl mio rapporto con il capolavoro di Francis Scott Fitzgerald non è nato molto bene e con il tempo devo dire che di miglioramenti ne ha visti pochi.

Provai a leggere Il grande Gatsby per la prima volta tre o quattro anni fa. Stava sulla mia libreria già da parecchio tempo, quasi dimenticato, in mezzo ad altri libri comprati e non ancora letti. Ricordo che in quel periodo stavo leggendo tutt’altro, e lo iniziai già consapevole di non volermi realmente addentrare in romanzo ambientato nella New York degli anni Venti, poiché per leggere un romanzo con un’atmosfera simile devo essere particolarmente in vena o molto ispirata dalla trama, non essendo uno dei miei periodi storici preferiti. In quell’occasione mi annoiai a morte e decisi di abbandonare il romanzo alla fine del terzo capitolo.

La settimana scorsa ho deciso di riprovarci pensando che forse, una volta superato lo scoglio dei primi tre capitoli, avrebbe potuto rivelarsi anche per me il capolavoro di cui molti parlano con entusiasmo.

Ma purtroppo la storia si ripete e torno ad annoiarmi esattamente come mi ero annoiata la prima volta. “Dai, sarà in parte colpa della traduzione”, penso. “Vai avanti e arriva fino alla fine questa volta”. E così ho fatto. Tra uno sbadiglio e l’altro sono riuscita ad arrivare a metà libro, dove finalmente la storia ha risvegliato in me dell’interesse nel punto in cui si inizia a parlare del trascorso di Jay Gatsby, ma nonostante questo arrivo all’ultima pagina senza aver riscontrato del coinvolgimento emotivo e, anzi, ad un certo punto sono stata costretta a tornare indietro perché non avevo ben capito chi fosse la vittima dell’omicidio. Stavolta non ho dato la colpa alla traduzione ma ho pensato che probabilmente non ho molto feeling con lo stile di Fitzgerald.

Ma tutto sommato, nonostante i momenti di noia, non direi che si è trattata di una brutta lettura, perché è stato interessante vedere come lo scrittore interpreta la fugacità del sogno di grandezza, e come racconta di tutti coloro ce non ce l’hanno fatta, perché Jay Gatsby altro non è che la personificazione della morte del sogno americano. Si parla quindi dell’illusione, della volontà di voler puntare sempre più in alto per tentare a tutti i costi di raggiungere qualcosa di irreale.

Questo è pressappoco quello che mi ha lasciato il romanzo.

Ma ora vorrei darvi un mio parere circa la trasposizione cinematografica del 2013 diretta da Baz Luhrmann, che ho appositamente evitato di vedere fino ad ora.

the_great_gatsby_movie-wide

Ho sentito varie critiche rivolte a questo film, ma posso dirvi che a me è servito per chiarire alcuni punti del libro e per capire meglio i personaggi (si, anche Gatsby).

Il film si concentra molto sul fatto che tutto quello che costruisce Gatsby, la sua immagine, il suo patrimonio, la sua casa, le innumerevoli feste, ogni cosa ha come scopo ultimo quello di tentare di riavvicinare Daisy, la ricca ragazza newyorkese di cui si era innamorato cinque anni prima e che aveva dovuto lasciare a causa della guerra. All’epoca Gatsby non aveva denaro e non aveva nulla da offrire ad una donna che si lascia conquistare solamente dallo sfarzo e dalla ricchezza, ma ora che finalmente è diventato l’uomo più ricco del Long Island, deve fare i conti con il  matrimonio della sua amata Daisy, che dura ormai da quattro anni.

Gatsby quindi è sì un sognatore, ma è anche una persona che soffre per un amore che può solo immaginare. E’ una sofferenza che non ho affatto percepito nel libro e che Leonardo Di Caprio rende veramente molto bene.

La mente di Gatsby si è fermata a cinque anni prima e da quel momento non ha fatto altro che immaginare una vita meravigliosa da trascorrere con la sua Daisy, cercando di realizzarla con tutte le due forze e con tutta l’immaginazione possibile.

Questo film è un kaleidoscopio di colori vorticanti che, uniti all’incalzante ritmo della colonna sonora, rendono alla perfezione le frenetiche vite dei giovani ricchi di New York, in perenne movimento tra feste e ubriachezza.

E’ proprio a causa di un maggiore coinvolgimento emotivo, quindi, e di una maggiore profondità dei personaggi principali che posso dire di aver apprezzato di più il film che non il libro (cosa che accade molto di rado), e penso che aggiungere la visione di questo film alla lettura del romanzo possa essere un buon modo per rendere più completa all’esperienza letteraria.

Il grande Gatsby è stato per me il primo approccio alla lettura di Francis Scott Fotzgerald e non escludo che più in là potrei leggerne dell’altro, sperando di riconciliarmi con il suo stile di scrittura, che ha reso questo romanzo a tratti ostico.

Fatemi sapere voi cosa ne pensate e se avete apprezzato di più il libro o il film.

Vi lascio qui il libro e il film in DVD.

 

 

 

“Picciridda” di Catena Fiorello

Salve a tutti, cari lettori.
In questi giorni è veramente difficile sopportare il caldo. Dalle mie parti si sfiorano a65531k-F5CEGWR1 tratti i 40° ed anche stare sdraiati a leggere diventa fastidioso senza un ventilatore puntato addosso, ma nonostante ciò, questa settimana ho letto un libro di cui vorrei parlarvi: Picciridda, romanzo d’esordio di Catena Fiorello.

Il libro racconta l’esperienza di Lucia, una bambina di undici anni che vive a Leto (Letojanni), in provincia di Messina, che ha vissuto in modo indiretto la tragica esperienza dell’emigrazione.

Siamo all’inizio degli anni Sessanta quando i genitori di Lucia sono costretti ad emigrare in Germania per lavoro, e lei si ritrova a dover vivere con sua nonnala Generala, come la chiamano in paese. La picciridda però non va molto d’accordo con la nonna, che ha un carattere duro ed è spesso molto severa con lei. Si sente molto sola, e soffre per l’abbandono improvviso dei suoi genitori, che hanno deciso di portare con sè solamente il suo fratellino Pietro, perché ancora troppo piccolo per poter sopportare un distacco simile. Lucia invece è grande, deve essere forte e non deve piangere o dar a vedere agli altri il suo malessere, perché alla gente non interessa se soffri o se stai male anzi, la gente non perde occasione per colpirti se ti mostri debole, anche solo per un attimo. Questo è l’insegnamento che la nonna dà a sua nipote cercando di prepararla alle difficoltà della vita, perché in fondo, sotto la dura corteccia del suo carattere, lei vuole molto bene alla piccola Lucia e si affanna per proteggerla e spronarla ad andare avanti e a non mollare mai nonostante tutto.

Con una scrittura molto fluida e scorrevole, le pagine scivolano una dietro l’altra ed il libro si divora in poco tempo.

I personaggi (soprattutto la nonna, che ho adorato) sono ben costruiti ed acquistano spessore mano a mano che si va avanti con la lettura. Anche la cultura della Sicilia del tempo è resa alla perfezione e crea quell’atmosfera tipica che dà carattere e spessore al romanzo.

Scoperto quasi per caso e divorato in pochissimo tempo, è una lettura che mi sento di consigliarvi fortemente soprattutto per la tematica trattata, che consente di osservare il dramma dell’emigrazione da una prospettiva diversa.

Fatemi sapere se avete letto anche voi questo romanzo e cosa ne pensate.

Vi lascio qui il link del libro e vi rimando alla prossima 😉

 

 

 

Mid Year Book Freak Out Book Tag

Buona sera a tutti, cari lettori.
Ultimamente sono un po’ assente (un po’ più del solito), e mi giustifico dicendovi che il caldo mi sta togliendo la voglia di fare qualsiasi cosa, anche di leggere.
Ma supererò questo periodo e tornerò a scrivere qui sopra con più frequenza.
Promesso.

Ma ora iniziamo a rispondere alla nomina di Baylee (che ringrazio) a questo simpatico booktag.

mid-year-book-freak-out

Miglior libro che hai letto per ora nel 2017

Sicuramente I Fratelli Karamazov di Dostoevskij. Non nego che sia stata una faticaccia leggerlo tutto, ma ne è valsa veramente la pena.

Miglior sequel che hai letto per ora nel 2017

L’unico sequel che ho letto quest’anno è La porta di Tolomeo di Jonathan Straud, ovvero il terzo volume della Trilogia di Bartimeus.

Nuova uscita che non hai letto ma che vuoi leggere

Sarei molto curiosa di leggere La più amata di Teresa Ciabatti.

Nuova uscita che attendi con trepidazione per la seconda metà dell’anno

In realtà nessuna. Non sto molto dietro alle nuove uscite, in genere le mie scelte di lettura riguardano libri già usciti da anni.

Peggior libro

Sicuramente Dodici di Zerocalcare. Dopo La profezia dell’armadillo non riesco proprio ad apprezzarlo.

Miglior sorpresa

Da quassù la Terra è bellissima di Toni Bruno. Veramente una bellissima graphic novel.

Nuovo autore preferito (nuovo per te o che ha appena debuttato)

Quest’anno ho scoperto Milan Kundera con L’insostenibile leggerezza dell’essere e sono curiosa di leggere altro di questo autore.

Nuova crush letteraria

Beh… direi Bartimeus.

Un libro che ti ha fatto piangere

Piangere no, ma ci è andato vicino. Sto parlando de La storia infinita di Michael Ende.

Un libro che ti ha reso felice

Sicuramente Olga di carta di Elisabetta Gnone: tanta dolcezza e tanta allegria.

Nominati

Take a book and drink a coffee with me

Pensieri spelacchiati

Pistacchi di carta

La libreria di Gabri

Lea e l’inchiostro

LUNA LOVEBOOK

 

 

 

“L’insostenibile leggerezza dell’essere” di Milan Kundera

E’ difficile scrivere un post su questo libro, ma voglio provare comunque a parlarvene f1a6aa41f8c3d3b9f9b681d4e5dad53a_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyperché L’insostenibile leggerezza dell’essere è uno di quei romanzi che aprono un mondo e che servono per pensare e per conoscere aspetti della propria vita che forse prima non avevamo considerato.

Dunque… di cosa parla questo libro? Parla di tante cose in verità, ma ognuna di queste cose è legata all’amore e alla sua realizzazione nei diversi tipi di rapporti analizzati dallo scrittore. Dico “analizzati” perché di fatto questo romanzo è un’analisi della vita, dell’amore, della morte, delle casualità, della storia e del pensiero.

Siamo nella Praga del 1968, in un’irrequieto scenario di dominazione comunista, quando Tomàs e Tereza si incontrano per caso e per caso si innamorano. Tereza è una donna fragile, che ha bisogno di protezione e di sentirsi amata. Tomàs, al contrario, è un uomo fortemente indipendente che non vuole sentire su di sé la costrizione di una relazione amorosa stabile e che non può fare a meno di avere numerose amanti occasionali.
Questi primi due personaggi sono uno l’opposto dell’altro ed intendono la relazione amorosa in due modi completamente diversi: per Tereza l’amore è la totale dedizione (anima e corpo) ad una persona soltanto, mentre per Tomàs c’è differenza tra amore e sesso, e la profondità del sentimento che lo lega a Tereza non ha nulla a che vedere con la passione che lo spinge tra le bracia di altre donne.
Intorno a questi due personaggi principali ruotano altre figure secondarie, come Sabina, amante di Tomàs, Franz, spasimante di Sabina, Simon, figlio di Tomàs, e Karenin, la cagnolina di Tereza e di Tomàs.
Le relazioni che intercorrono tra questi personaggi sono tutte regolate da un equilibrio che li pone in posizioni opposte l’uno all’altro, proprio come i due protagonisti.
Ogni personaggio cerca di attrarre a sé il suo opposto, e più sono vicini e maggiore è la pesantezza che li schiaccia e li distrugge. Sì, perché tutto si gioca sul continuo susseguirsi e scontrarsi di stati di leggerezza e di pesantezza, come nel quarto movimento del Quartetto No. 16, Op. 135 di Beethoven, che lo scrittore conosce molto bene.
<<Es muss sein!>>, scrive Beethoven all’inizio del quarto movimento. Deve essere. Nessun uomo può ribellarsi al proprio es muss sein, alla propria indole, alla propria vocazione ed inclinazione naturale. Sfuggire all’es muss sein vuol dire cedere alla pesantezza e schiacciare il proprio essere, perdersi per non ritrovare più la leggerezza, che è l’unico stato di pace e serenità.

Ma cos’è che costringe l’uomo verso la pesantezza? Non è certamente una condizione che si raggiunge consapevolmente o volontariamente, poiché la vita dell’uomo e diretta solo dal caso. E’ infatti per caso che si incontrano e si conoscono nuove persone, è per caso che ci si innamora, ed è sempre per caso che si può perdere il proprio lavoro.

Come vedete siamo di fronte ad un romanzo molto filosofico che rivela molto della mente che si cela dietro la penna da cui è nato.
Nel corso della narrazione, infatti, viene spesso fatto riferimento, oltre al sopracitato quartetto per archi, alle teorie di grandi filosofi come Nietzsche, Kant e Descartes, per passare poi a riflessioni sul Kitsch e sulla morte.

Nonostante in questo libro ci sia tutto questo (e molto altro ancora), la lettura non risulta mai troppo pesante o lenta. Lo stile, infatti, è molto scorrevole e leggero e le sue 336 pagine scorrono senza fatica, grazie anche alla brevità dei capitoletti che compongono le sette parti del romanzo.

Io mi sento di consigliarlo a chiunque non l’abbia ancora letto e che abbia voglia di affrontare una lettura così intensa, ma non direi che sia adatto ad un pubblico troppo giovane, perché credo che la maturità e un po’ di esperienza di vita aiutino a comprendere meglio alcune parti.

Detto questo, vi lascio il link in cui potrete trovare questo bellissimo romanzo (ovvero qui).

Fatemi sapere se anche voi lo avete letto e cosa ne pensate, o se avete in programma di leggerlo prossimamente.

Alla prossima.

Leggere “Harry Potter” a 27 anni – Parte I

Harry Potter e la Pietra Filosofale

Pubblicata per la prima volta nel giugno del 1997, la saga del maghetto più famoso del 9788867158126.1000mondo, che ha stregato e affascinato migliaia e migliaia di bambini della mia generazione, quest’anno compie 20 anni.
Immagino che voi ne eravate già al corrente… io invece l’ho saputo solo qualche giorno fa, quando ormai la mia PRIMA LETTURA di Harry Potter e la Pietra Folosofale era già bella che avviata.

Come mai ho deciso di iniziare la saga di Harry Potter alla tenera età di 27 anni?
Per pura curiosità.
Insomma… se la Rowling è riuscita a guadagnarsi tutti questi fans, sicuramente varrà la pena leggere la saga che l’ha resa così famosa.
Quindi, munitami forza e coraggio e senza pensare troppo allo sconfinato numero di pagine da affrontare, ho iniziato la lettura di questa saga famosissima.

Purtroppo le mie prime impressioni non sono state delle migliori, infatti ho trovato la lettura quasi noiosa fino a circa metà del libro, quando (finalmente) iniziano a comparire i primi misteri ed i primi colpi di scena che vanno a complicare e ad arricchire la trama. Ed è proprio a causa di questo disinteresse iniziale che ci ho messo fin troppo tempo a leggere questo primo volume, e spero vivamente di trovare i prossimi molto più scorrevoli ed interessanti… altrimenti sarà dura arrivare alla fine della saga.

Io credo di aver visto i primi tre film (o forse quattro) dedicati alla serie di Harry Potter, ma con il passare degli anni li ho completamente rimossi dalla mia memoria, quindi la mia è una lettura totalmente nuova (anche perché sono riuscita a tenermi ben alla larga da spoiler di vario tipo, seppur involontariamente).

Ma ora voglio dirvi cosa ho apprezzato di questo libro e cosa no, senza dilungarmi ulteriormente.

Sicuramente una caratteristica positiva del libro è la scorrevolezza della scrittura, che è molto lineare ed utilizza un linguaggio semplice, ma ho sentito la mancanza di un’introspezione anche minima dei personaggi principali, che li rendesse più credibili e che facilitasse l’immedesimazione del lettore.
Si, ok, è un libro per bambini e deve essere adatto ad un pubblico molto giovane, ma ultimamente ho letto altri libri indirizzati a questa fascia di età e non ho sentito affatto la mancanza di una profondità dei protagonisti (mi sto riferendo in particolar modo ad Olga di carta di Elisabetta Gnone ed alla Trilogia di Bartimeus di Jonathan Stroud)… ma in fondo siamo solo al primo libro, immagino che ci sarà tempo per incastrare bene tutti i pezzi.

Un’altra cosa che mi ha lasciata un po’ perplessa è stata la rapidità con cui Harry passa da una situazione di sfortuna più nera ed assoluta ad essere il maghetto più fortunato e talentuoso del mondo. Una volta entrato ad Hogwarts, in pratica, il nostro Harry non fa che infrangere le regole della scuola, ma invece di essere punito viene spesso e volentieri premiato in modo esagerato. Insomma, va bene la trama semplice e carina, va bene il modo fantastico e meraviglioso dei maghi che rende tutto più bello, ma senza esagerare, eh.

Molto belle invece le atmosfere che la Rowling è riuscita a creare: gli ampi saloni della scuola, scale che cambiano strada, fantasmi che girano, ritratti appesi ai muri che vanno a farsi un giro quando si annoiano, foreste incantate, centauri, unicorni, draghi… tutto veramente suggestivo e molto bello: il vero punto di forza in questo libro, a parer mio.

Ma la cosa che mi è piaciuta di più e che mi ha convinto a proseguire la lettura della saga è stato l’incontro finale tra Harry Potter e Voldemort nell’inquietantissima la scena in cui il professor Raptor si toglie il turbante e scopre il volto del suo padrone, troppo debole per abitare in un corpo proprio.
Un’immagine da brivido, direi.

Che altro dirvi? E’ stata una lettura iniziata nel modo sbagliato, forse con poca voglia e con qualche pregiudizio, ma ora sono molto curiosa di scoprire come andrà avanti la storia di Harry Potter e del suo temibilissimo nemico.

 

Potete trovare l’edizione che ho letto cliccando qui

Altri libri citati:
Olga di carta
Il ciclo di Bartimeus